La Associazione Europa Cultura si fa in Quattro

Oltre un decennio di attività a favore degli interessi del Cittadino contribuente e consumatore, di valorizzazione del Patrimonio artistico, culturale, storico italiano ed europeo; più di quattrocentomila contatti diretti o tramite i social; decine di Comitati tematici costituiti e operativi nei vari settori della vita quotidiana. Questo in sintesi l’operato della Associazione Europa Cultura.

Oggi si compie un importante passo avanti.

La Associazione Europa Cultura apre infatti diversi Comparti Federati per offrire una sempre maggior presenza e sostegno a favore della Sicurezza del Territorio, della Corretta Informazione, della Difesa degli Interessi Collettivi e del Rilancio dell’Economia delle aziende colpite da calamità e dalla crisi sempre crescente e, non ultimo, la Promozione delle Eccellenze del territorio con il potenziamento del Turismo come motore trainante del nuovo Rinascimento Italiano.

 

Quattro i Comparti, diretti da Professionisti altamente qualificati che sono il fulcro di questo brand suddiviso in sei Macro-Regioni.

·         “Amici Associazione Europa Cultura” Comparto Difesa interessi del Cittadino, della Collettività e della Multiproprietà;

·         “Amici Associazione Europa Cultura” Comparto Difesa e Sicurezza del Territorio con valorizzazione del patrimonio artistico e demaniale dello Stato con un Tavolo Tecnico-Operativo Permanente;

·         “Amici Associazione Europa Cultura” Comparto Turismo ed Enogastronomico;

·         “Amici Associazione Europa Cultura” Comparto Economia e Finanza, con un Tavolo Tecnico-Operativo.

 

 

 

 

 

ANNUNCIO IMPORTANTE

Riaperte le adesioni a sostegno delle iniziative AEC di Difesa degli interessi dei Cittadini Contribuenti, Consumatori, Risparmiatori e Utenti.

Notevoli i risultati finora ottenuti in oltre vent’anni di attività avviate dai soci fondatori:

·         Migliaia di Conciliazioni e Pratiche andate a buon fine;

·         Oltre 500 mila nominativi contattati direttamente o tramite il web;

·         50 Gruppi tematici attivi con 12.929 iscritti;

·         45 Pagine tematiche con 12.418 “mi piace”

Milioni di visitatori annuali confermano la tendenza degli italiani – e non solo – a seguirci nel Web.

Questi alcuni Comitati e Gruppi costituiti ed federati alla AEC Europa:

·         Comitato Nazionale AEC per la Class Action Johnson end Johnson per le Protesi difettose Depuy;

·         Comitato Alluvione Veneto (Popolo degli Alluvionati);

·         Coordinamento Nazionale AEC Alluvionati e Terremotati Italiani (Popolo dei Terremotati – Azione Collettiva SMS Solidali);

·         Gruppo AEC Tutela Ambiente e Salute;

·         Comitato vittime Fallimento Acquamarina Srl;

·         Gruppo AEC Artigianato e Commercio Solidale;

Di recente abbiamo dato vita ai seguenti Gruppi:

·         Gruppo AEC Difesa Multiproprietari Italiani;

·         Gruppo AEC Difesa Agricoltori e Allevatori Italiani (Azione Collettiva per le Quote Latte);

·         Gruppo AEC Difesa Utenti della Strada (Stop Autovelox Vessatori);

Per aderire scaricare, compilare e firmare l’apposito modulo firmare ed inviare con la fotocopia del documento di identità e del versamento effettuato alla e-mail eurosportello@aeceuropa.eu indicando a quale Gruppo o Comitato si intende partecipare.

N.B.: L’adesione di sostegno non comporta alcun vincolo, responsabilità o diritto a cariche elettive ma permette di aiutare le attività collettive e di beneficiare dei servizi offerti (in forma gratuita o convenzionata) dall’intera organizzazione senza fini di lucro della AEC Europa. Grazie.

RICHIESTA DI ADESIONE

Formato PDF

 

Conclusa con successo la prima parte dei convegni organizzati dal “Popolo dei Terremotati AEC” alla “Borsa MULA” a San Benedetto del Tronto.

Si passa ora alla fase del Tavolo Tecnico Permanente per arrivare alla conclusione della ricostruzione e al rilancio dell’Economia del territorio che si ottiene anche attraverso investimenti in Agricoltura, Enogastronomia e Turismo.

 

Terremoto Centro Italia la svolta: passiamo ai Fatti, basta Parole.

Il tema portante degli incontri organizzati dal “Popolo dei Terremotati AEC”, espressione del Coordinamento Nazionale Alluvionati e Terremotati Italiani della Associazione Europa Cultura, alla Borsa del Turismo del Centro Italia “MULA” che si sono tenuti il 25 agosto e il 1 settembre 2018, è stato quello della necessità di dare ossigeno e sostegno alle attività del territorio colpito dai terremoti, fattore questo indispensabile per la rinascita.

 

Si è discusso molto del tema sicurezza del territorio, della irreversibilità nel procedere di pari passo tra la ricostruzione degli edifici pubblici con quelli privati, lasciando da parte la lentezza della Burocrazia e uniformando gli sforzi, come evidenziato negli accorati interventi di Sergio Pirozzi, ex sindaco di Amatrice e attuale consigliere regionale del Lazio.

 

Ha infatti lanciato messaggi forti e chiari affermando che “non si deve far passare il messaggio che va tutto bene. Abbiamo ancora il 50% delle macerie da rimuovere e gran parte delle opere finora effettuate sono state possibili solamente grazie alle Donazioni private”.

Si tratta di Una aperta violazione della libertà di ciascuno di disporre del suo

Commenta Maria Paola Meli, presidente dell’Associazione, richiamandosi a quanto ribadito dal Professor Mario Bertolissi, Costituzionalista e Docente di Diritto all'Università di Padova.

#SMSsolidali

 

 

ANNUNCIATA AZIONE COLLETTIVA CONTRO LE DONAZIONI SOLIDALI (SMS e varie) CHE VENGONO UTILIZZATE PER OPERE PUBBLICHE INVECE DI CONSEGNARLE DIRETTAMENTE AI DANNEGGIATI.

 

Progetto

“CASA ITALIA – ECOLOGICA – ANTISISMICA E SOCIALE”

Viviamo un momento storico della nostra economia anche a seguito degli ultimi eventi sismici che hanno colpito la nostra Italia.

RICOSTRUIRE E RIEDIFICARE L'ITALIA SI PUO' MA CON UNA POLITICA ADEGUATA E PARTECIPATA DAI CITTADINI

Dalle macerie delle case distrutte dal violento sisma che ha sconvolto l'Italia Centrale si alza forte il grido dei superstiti: VOGLIAMO UNA CASA SICURA, ANTISISMICA e che sia la vera Fortezza per la Famiglia. Basta crolli e lutti

Sprechi enormi di danaro pubblico e personaggi che non hanno ancora pagato per il danno provocato allo Stato..... un miliardo 751 milioni che servirebbero per finire le 683 opere pubbliche incompiute censite dal ministero delle Infrastrutture e dall’Ance. Un esempio fra tutte.... Roma la Città dello sport Le Vele di Calatrava già costata 200 milioni e che forse non sarà mai terminata. Per completare l’opera avveniristica, che si trova a Tor Vergata, servirebbero altri 426 milioni. Con quei soldi QUANTE CASE PER I TERREMOTATI SI POTREBBERO COSTRUIRE?

(vedi il testo completo della nota)

VENETO NEWS

 

Storia di una Grande Opera impattante e onerosa

Cui Prodest?

 

AUTODROMO VENETO MOTORCITY

(vedi approfondimento)

 

Ma di quale progetto e Grande Opera si tratta?

 

Questi i numeri principali:

Opere previste nel “MOTOR CITY” su un’area complessiva di 458 ettari, sarà realizzato un TOTALE pavimentato lordo di 1.145.000 mq, con Investimenti di circa 1,5 miliardi di Euro (2.900 miliardi di ex lire) di cui 70 milioni per il solo acquisto dei terreni (15,5 euro al mq) con investimenti pubblici per 424 mila euro;

La 3° grande opera veneta dopo il passante di Mestre e il MOSE.

Altro esempio di sperpero di danaro pubblico a danno dei cittadini e nel bilancio 2015 del Governo Italiano si riporta: SPESE PER IL COMPLETAMENTO DEL POLO NATATORIO VALCO SAN PAOLO stanziate 2.926.920,77 – spese 1.614.647,10

C’è anche la devastante operazione della città dello sport di Tor Vergata, per cui sono stati inutilmente spesi 250 milioni di euro: per completare quella cattedrale nel deserto così faraonica da aver richiesto per una sola delle due vele metalliche di copertura tanto ferro quanto quello impiegato per la Tour Eiffel, ne servirebbero ora almeno altri 400..

(vedi Nota completa)

 

Sisma Italia Centrale.

Il POPOLO dei TERREMOTATI trema di Paura per il crollo della propria Casa, mentre il Governo plaude allo SPERPERO assurdo delle GRANDI OPERE FARAONICHE.

Quasi 500 Milioni di euro gettati in una "NUVOLA".

 

Ancora una volta il #PopolodeiTerremotati urla allo scandalo.

Il Governo invece di investire i fondi con CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO per la SICUREZZA degli edifici e la SALVAGUARDIA DELLE VITE DEI CITTADINI, arrivando ad un DEFINITIVO CAMBIAMENTO del PATRIMONIO IMMOBILIARE ITALIANO, pensa solo a sperperare le risorse di SOLDI DEI CITTADINI.

Tangenti alle Terme: connessione al "malaffare" inerente il fallimento Acquamarina srl - le polizze fidejussorie fasulle - interferenze con il "sistema" dei clan malavitosi. (vedi articolo)

Tangenti alle Terme: connessione al "malaffare" inerente il fallimento Acquamarina srl -atto secondo - Le parti in causa - (vedi articolo)

Osservatorio Veneto sul fenomeno Mafioso di Vincenzo Guidotto

legami tra politica e imprenditoria locale e richiami all'affare "Sciacca". (vedi articolo)

 

Intrecci tra Malavita Organizzata, politici e Albergatori Aponensi: la vicenda Sitas, struttura alberghiera creata dal consorzio Abano Sciacca. Una iniziativa imprenditoriale di grossissimo respiro, partita da un gruppo di imprenditori di Abano Terme, per la realizzazione di undici alberghi, di cui solo 4 effettivamente realizzati con infrastrutture turistiche nella cittadina di Sciacca, in Sicilia, con richiami alla sentenza contro l'ex ministro Calogero Mannino, pronunciata della Corte d'Appello nel Maggio 2004. (vedi articolo)

Tangenti alle Terme reazioni anche a Vibo Valentia in seguito arresto del costruttore del nuovo ospedale (vedi articolo)

Tangenti alle Terme: vecchie e nuove connessioni tra imprenditori, affaristi, banche, politici e malavita.

(vedi articolo)

Associazione Europa Cultura - Italia

La nostra storia per immagini....

Comitato Alluvione Veneto

 

Artigiani Esercenti Commercianti a favore della Solidarietà

 

Banco Alimentare Abano

Banco Alimentare Selvazzano

restauro del Santuario Madonna della Salute di Monteortone

Preghiera semplice “La quarta conchiglia” Lettera aperta al Santo Padre Francesco poesia di Mariapaola Meli

 

Un messaggio a favore della Pace

Recupero danni Protesi Difettose Depuy della Jhonson & Jhonson news: ARRIVATI NUMEROSI NUOVI CASI DI PROTESI DIFETTOSE DEPUY Johnson end Johnson e non solo di quelle.... Vedi approfondimento

@mail per la Pace

Sostienici nella nostra lotta per la Giustizia Vera

AEC partner UnPOxExPO2015

AEC Europa Copyright © 2006. Tutti i diritti riservati.